0 Condivisioni

Ti sarai chiesta qualche volta qual è il biondo che ti dona di più e come fare a sceglierlo…

Alla base della scelta del “colore ideale”  c’è una buona consulenza da parte del parrucchiere ma è anche fondamentale  la conoscenza dell’ armocromia.    In altri articoli vi ho parlato dei sottotoni caldi e freddi, perciò non mi dilungherò su questi aspetti ma cercherò di rendere il tutto più comprensibile. Ci sono tre aspetti importanti da prendere in considerazione per decidere “il biondo che ti dona”:  tono che si può sceghiere chiaro, intermedio, scuro;  riflesso che può essere caldo o freddo; effetto che possiamo distribuirlo in orizzontale o verticale. Questo metodo possiamo garantire alla cliente un effetto sano e naturale, senza virature strane di colore.

Il tono 

Il tono può essere di tre livelli, più la pelle è chiara con sottotono freddo e più è adatto un biondo chiaro o chiarissimo come il cenere, sabbia, perla o il biondo burro. Se scegli uno di questi colori avrai scelto un riflesso freddo. Mentre se hai la pelle chiara ma dorata ti dona di più un biondo miele oppure oro, cioè riflessi caldi, altrimenti puoi optare per un biondo vaniglia, un colore intermedio tra il freddo ed il caldo.

il biondo che ti dona

Rebecca Acconciature

L’effetto

L’ effetto è un altro aspetto importante. Il posizionamento in verticale crea un effetto sfumato e senza barrature, se effettuate nella parte frontale danno un effetto più allungato al volto. IL posizionamento orizzontale crea un effetto più unito, di solito viene fatto quando vogliamo fare una schiaritura decisa con “effetto ricrescita”

il biondo che ti dona

Il riflesso

Per ottenere la riflessatura desiderata è necessario applicare il tonalizzante che  può essere caldo o freddo. I riflessi biondi sono infiniti. La scelta dipende dal gusto personale  ma non è detto che ciò che scegliamo ci sta bene. La tonalizzazione idrata il capello e lo rende luminoso per cinque settimane, dopodichè va riapplicato. Purtroppo alcune clienti non  comprendono l’importanza della tonalizzazione e si rifiutano di farlo, in questo modo non ottengono il riflesso desiderato.

tonalizzante

tonalizzante

0 Condivisioni

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *